Scheda editoriale

Ricche Minere

Rivista semestrale di storia dell’artedirettore: Giuseppe Pavanello“Ricche Minere” ricalca il celebre volume di Marco Boschini; nella volontà di rendere omaggio al grande critico e conoscitore veneziano seicentesco e di riproporre, al contempo, l’attenzione sulla qualità dell’opera d’arte, che nei suoi versi ha toccato vertici ineguagliati.

Poesie sparse

Alfredo PoliAlfredo Poli ci presenta le sue liriche, in una poetica del profondo, con un linguaggio chiaro, lucido, coinciso, dove la forma non è che l’espressione del contenuto.

Pietro Bellotti

Un altro Canalettoa cura di Charles Beddington e Domenico CrivellariIl nonno di Pietro è Bernardo Canal, lo zio è Canaletto, e suo fratello è Bernardo Bellotto. Egli fa parte, quindi, della famiglia attorno alla quale ruota l’intera storia del vedutismo a Venezia.

Pietro Bellotti detto Canaletty

Un vedutista veneziano nella Francia dell’Ancien RégimeDomenico CrivellariPietro Bellotti, vedutista, contribuirà a far conoscere l’arte della patria perduta e, attraverso l’uso della optique, stupirà, con colorate immagini di città famose e sconosciute, il popolo che frequenta fiere e mercati peregrinando per l’Esagono e improvvisandosi persino artificiere.

L'uomo della croce

L’immagine scolpita prima e dopo DonatelloA cura di Carlo Cavalli e Andrea NanteL’evangelista Giovanni e corrispondentemente l’autore dell’Apocalisse riconoscono nell’Uomo della croce il realizzarsi della profezia di Zaccaria: tutti «volgeranno lo sguardo a quell’uomo trafitto»; anzi, per lui «tutte le tribù della terra si battono il petto». In quell’uomo tutta la vicenda umana è ricapitolata e, simultaneamente, si espone sulla breccia della «vita che vince la morte». La Pasqua come passaggio alla Vita è possibile per quell’Uomo della croce. Il Museo Diocesano e l’Ufficio beni culturali hanno pensato di collocare a suggello dell’Anno della fede una suggestiva mostra abitata da sette crocifissi lignei del territorio diocesano. Si propone come intensissima esperienza di bellezza dove il dramma dell’umanità trafitta anela a ricomporsi e «rinascere dall’alto».

«Per il bene del partito»

Breve profilo storico della Federazione veneziana del Pci 1945-46Ahmed DaoudOccuparsi del Partito Comunista Italiano pone ancora oggi dei forti problemi metodologici e interpretativi. Si può slegare la sua storia da quella dello stalinismo? Comunismo e stalinismo sono assimilabili? Il Pci fu veramente un partito comunista che cercò di instaurare un regime socialista in Italia? Quanto la pratica e l’azione comunista erano conforme al linguaggio e alla retorica «per il socialismo e per la rivoluzione»? Sono quesiti, forse, provocatori ma ai quali uno storico dovrebbe rispondere. Attraverso l’analisi dell’attività della Federazione veneziana del Pci ho cercato di dare una mia interpretazione alternativa e minoritaria rispetto alla storiografia tradizionale e «maggioritaria» presente sul comunismo italiano.

Ricordi di guerra e di prigionia

Memorie dissonanti della II guerra mondialePaola TrevisanHo scelto di riproporre, in questo estratto della mia tesi di laurea, alcuni dei capitoli che, a mio avviso, consentono al lettore di ottenere una panoramica del mio lavoro di ricerca: l’introduzione, il capitolo dedicato alla figura di Giorgio Chiesura (la cui vicenda personale rappresenta un caso singolare all’interno del vasto panorama delle scelte a cui gli italiani furono chiamati dopo l’8 settembre 1943); segue il capitolo dedicato alla tematica della ricezione di memorie dissonanti rispetto alla narrazione pubblica della Seconda Guerra Mondiale ed, infine, le conclusioni a cui sono pervenuta con il mio studio.

Il Governo dei Cln nel sud-ovest veronese

(aprile-dicembre 1945)Andrea TumicelliIl periodo considerato va dalla sconfitta definitiva dei nazifascisti sino all’autunno-inverno del 1945, quando la situazione politica delle varie comunità si normalizzò e assunse delle forme standardizzate ed uniformi. Il tutto viene presentato rifiutando una formula retorica e scevra di problematiche che indica con una forzatura semplificativa il nuovo quadro politico democratico come l’ovvio esito del processo resistenziale.

Tra Ombre e brume

Giuseppe Bonomi & Claudio Gallo con la partecipazione straordinaria di Emilio SalgariEmilio Salgari, generosamente, ha donato al pubblico dei lettori cronache appassionate, da giornalista, e romanzi travolgenti, da scrittore, ma è stato assai parco (a differenza di altri) nel trasmettere il suo “privato”. Ci aiutano le lettere agli editori, le confidenze di chi lo conobbe, ma la sua personalità è ancora sfuggente, o meglio lo è stata, ché, fortunosamente recuperate, ecco nel libro tre “interviste” concesse dall’Aldilà, nelle quali Salgari libero da vincoli terreni appare qual era veramente. Chi lo ha amato, e ancora lo ama, leggendole rinfocolerà il proprio affetto, che conta più dell’ammirazione nei suoi confronti.

Aldèbaran

Storia dell'arte - IIa cura di Sergio MarinelliSecondo volume, seguito de Aldèbaran I, edito da Scripta edizioni nel 2012. Sergio Marinelli, ordinario di Storia della Critica d’Arte presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia, è stato prima direttore dei Musei Civici di Verona. Ha curato mostre su Veronese (1988), Il Veneto e l’Austria (1989), Bellotto (1990), Tintoretto (1994), Cinque secoli di disegno veronese (2000), Von Stuck (2006), Mantegna (2006). Ha scritto numerosi saggi di storia dell’arte.

I nostri distributori

Edizioni

Eventi in vetrina

17 Ottobre 2018

Da Sartre a Alberoni

Presentazione del volume di Massimo Foladori

Dialogo con Marco Tabacchini

Mercoledì 17 ottobre 2018 ore 18

LIBRE - Interrato Acqua Morta 38, VERONA

10 Maggio 2018

La cripta di San Benedetto al Monte a Verona

Presentazione del volume edito in occasione dell'inaugurazione dell'intervento di conservazione e valorizzazione

GIOVEDI 10 MAGGIO 2018 ORE 11

Piazzetta San Benedetto al Monte

 

15 Dicembre 2017

La sua voce di grano e di gramigna

Presentazione del romanzo di Carmela Iacoviello

VENERDI' 15 DICEMBRE ORE 17.15

BIBLIOTECA CIVICA

Via Cappello, 43 - Verona

Intervengono Guariente Guarienti e Marco Ongaro

12 Dicembre 2017

Amori quasi possibili

Presentazione del volume di PINO CAROLLO

a cura di Patrizia Cipriani

Martedì 12 dicembre ore 17.30

SALA FARINATI della BIBLIOTECA CIVICA

Via Cappello, 42 - Verona

Interviene Nicola Paqualicchio, Università di Verona