Storia dell'Arte

Faustino Boatti 1797-1857

Un protagonista del ritratto in miniatura e all'acquerello nella Lombardia dell'età romanticaBernardo Falconi, Anna Maria ZuccottiTra i nomi dei tanti artisti formatisi alla Scuola di Pittura dell’Accademia Carrara di Bergamo, diretta dal cremonese Giuseppe Diotti (1779-1846), in un ambiente oscillante fra fedeltà alla tradizione classica e incipiente Romanticismo, quello del bergamasco Faustino Boatti è stato a lungo pressoché dimenticato. Solo una decina di anni or sono una più attenta valutazione critica della sua produzione artistica, resa possibile dal rinvenimento di un cospicuo numero di suoi lavori, ha permesso di connotarlo come uno dei più validi specialisti del ritratto di piccolo formato attivi nella Lombardia austriaca post-napoleonica.

Giambattista Crosato

Pittore del Rococò europeoDenis TonGiambattista Crosato (1697-1758) è stato pittore, frescante e scenografo operoso tra la Serenissima e il Piemonte sabaudo, attivo in alcuni dei luoghi simbolo della civiltà settecentesca europea: dalla palazzina di caccia di Stupinigi, al salone di Ca’ Rezzonico, alle ville venete.

Dentro l'urne confortate di pianto

Antonio Canova e il Monumento funerario di Maria Cristina d'AustriaGiuseppe Pavanello

“Ardita è l’ideazione di quel rettangolo nero,
al quale s’appressa per prima una giovinetta, segno dell’ineluttabilità del destino:
occorre arrivare forse ai tagli sulla tela
di Lucio Fontana – uno scultore, si badi –
per trovare qualcosa di analogo
e di altrettanto originale.
È quella presenza che dà significato al tutto, che giustifica quella componente patetica, quel parlare al ‘cuore’,
come  già i contemporanei rilevavano. Neoclassico? Romantico?
Etichette inadeguate”.

 

Domenico Pellegrini 1759-1840

Un pittore veneto nelle capitali d'EuropaGiuseppe PavanelloVenezia, Roma, Napoli, Londra, Parigi, quindi Lisbona: solo elencare le città dove ha lavorato ci dà la misura europea di Domenico Pellegrini. È questa la prima monografia che gli viene dedicata. Nel confronto con quanto si sapeva in precedenza, risalta la quantità di nuove acquisizioni al catalogo, di notizie storiche, d’intrecci che coinvolgono artisti, mercanti, personaggi più o meno illustri, parecchi legati alla massoneria, in circostanze storiche spesso avventurose – Pellegrini venne persino deportato nelle Azzorre – di un’epoca che ha visto sconvolgimenti che hanno trasformato l’assetto europeo come in poche altre circostanze.

L'altare di Isehneim

Mathis Grünewald pittore della Morte e della ResurrezioneAdriano Mariuz

“È la faccia del dolore, dell’angoscia, della morte. L’impatto è sconvolgente, fin dal primo sguardo. La Crocifissione è un culmine tragico dell’arte occidentale: uno di quei capolavori che rendono difficile il discorso critico, giacché sono nati proprio su quel limite in cui la parola esaurisce la possibilità di comunicare.
Visioni generate dal silenzio e nel silenzio, la loro realtà s’invera tutta nell’evidenza flagrante dell’immagine”.

Aldèbaran

Storia dell'arte - Ia cura di Sergio Marinelli

Aldèbaran raccoglie una serie di scritti di Storia dell’Arte di amici, giovani allievi o coetanei del curatore, che s’allineano solo nel piacere della ricerca storico-artistica e nella considerazione dell’arte figurativa non come semplice erudizione né come vano inseguimento delle mode mediatiche ma come pensiero visivo e figurato universale.

Esporsi

Architetti, artisti e critici a confrontoFrancesca Zanella

Esporsi: mettersi in gioco provocando, negando, radicalizzando gli assunti della cultura ufficiale o della accademia; raccontarsi esplicitando un progetto culturale, oppure un’ipotesi critica, confrontandosi con un contesto esteso per individuare strumenti d’analisi e d’intervento, promuovendosi rispetto ad una molteplicità di interessi e di identità culturali.

Monferrato Medievale

Crocevia di cultura e sperimentazioniMichele Luigi VescoviQuale è la valenza critica delle scuole regionali nel dibattito sull’architettura medievale, e come tali idee si sono sviluppate? Prendendo le mosse sia dall’analisi del concetto storiografico di “Scuola del Monferrato” che dalle molteplici sfumature di tale termine nella sua realtà storica, viene proposta una ricerca sull’architettura e sulla scultura medievale del territorio Ultra Padum della diocesi di Vercelli, analizzando l’intreccio tra i diversi modelli d’immagine e le dinamiche della committenza nell’area geografica.

Sebastiano Ricci

1659-1734a cura di Giuseppe Pavanello

Atti del Convegno Internazionale di Studi

14-15 dicembre 2009

Venezia Fondazione Giorgio Cini

Architettura e Pubblicità / Pubblicità e Architettura

a cura di Francesca Zanella

Ricerche di S/Confine

Collana del Dipartimento dei Beni Culturali e dello Spettacolo
Università degli Studi di Parma


I nostri distributori

Edizioni

Eventi in vetrina

17 Ottobre 2018

Da Sartre a Alberoni

Presentazione del volume di Massimo Foladori

Dialogo con Marco Tabacchini

Mercoledì 17 ottobre 2018 ore 18

LIBRE - Interrato Acqua Morta 38, VERONA

10 Maggio 2018

La cripta di San Benedetto al Monte a Verona

Presentazione del volume edito in occasione dell'inaugurazione dell'intervento di conservazione e valorizzazione

GIOVEDI 10 MAGGIO 2018 ORE 11

Piazzetta San Benedetto al Monte

 

15 Dicembre 2017

La sua voce di grano e di gramigna

Presentazione del romanzo di Carmela Iacoviello

VENERDI' 15 DICEMBRE ORE 17.15

BIBLIOTECA CIVICA

Via Cappello, 43 - Verona

Intervengono Guariente Guarienti e Marco Ongaro

12 Dicembre 2017

Amori quasi possibili

Presentazione del volume di PINO CAROLLO

a cura di Patrizia Cipriani

Martedì 12 dicembre ore 17.30

SALA FARINATI della BIBLIOTECA CIVICA

Via Cappello, 42 - Verona

Interviene Nicola Paqualicchio, Università di Verona