Scheda editoriale
Numero pagine: 144
Formato chiuso: 21,5x26,5 cm
Finitura: brossura cucita e copertina con alette
340 immagini a colori
Prezzo: 35,00 euro
Codice ISBN: 978-88-98877-01-0
Guarda i nostri distributori

Le porcellane di Marino Nani Mocenico

a cura di Marcella Ansaldi e Alberto Craievich

All’inizio del Settecento Cina e Giappone detenevano il segreto della produzione della porcellana, sancendo un monopolio di fatto del loro commercio verso l’Europa. Al commercio di oggetti di porcellana, con il consumo di tè e caffè che andava sempre più sviluppandosi in tutto l’Occidente, si sviluppò parallelamente la richiesta di vasellame, tazze, tazzine, diventando un interesse economico sempre maggiore negli scambi economici dell’epoca.

In tutta Europa si cercò sin dal tardo Cinquecento di scoprire il segreto della produzione della porcellana, il cosiddetto “arcano”. E i primi a riuscirci nel 1710 furono i sassoni di Meissen che grazie, anche alla padronanza del complesso processo produttivo, crearono la prima manifattura funzionante. Avendo rotto il monopolio orientale, i sassoni si tennero stretto il segreto facendo nascere una prospera industria che esportò la sua porcellana in tutta Europa.

Le altre prime due manifatture che riuscirono a fare altrettanto, una decina di anni dopo, furono la manifattura di Vienna (1718) e quella dei fratelli Vezzi (1720) a Venezia. 

Questi ultimi riuscirono a scoprire la formula della porcellana grazie ai “transfughi” di Meissen ma soprattutto riuscirono a controllarne il complesso procedimento produttivo. Ci vollero poi quasi altri venti anni prima che la produzione della porcellana si diffondesse in altri paesi.

Questa raccolta – con i suoi pezzi non solo veneziani ma anche delle due prime manifatture europee di Meissen e Vienna – ci offre una vivace testimonianza dell’ingegno veneziano e sottolinea come Venezia all’epoca fosse all’avanguardia nel riunire competenze tecniche, scientifiche, artistiche e finanziarie allo sviluppo di una attività complessa come la produzione di porcellana.

Twitter Facebook Google plus Pinterest