Scheda editoriale
Numero pagine: 72
Formato chiuso: 10,5x18 cm
Finitura: brossura cucita con alette

Prezzo: 10,00
Codice ISBN: 67-5
Guarda i nostri distributori

Poesie di via Bisenzio

Nicola Cinquetti

 

Siamo nel quartiere delle Golosine, ultima periferia di Verona, dove gli autobus arrivano al capolinea, ma il mondo che viene evocato è lo stesso nel quale è cresciuta un’intera generazione di bambini italiani, quella del baby-boom, quella che ha attraversato l’infanzia nella prima lunga stagione di crisi, dopo il miracolo economico. Sul fondale della scena troviamo i piccoli palazzoni gremiti di bambini, che si alternano ai campi coltivati e ai campetti dove si gioca a pallone. Lontano, oltre le canalette, passa la ferrovia, che segna il confine di un regno i cui sovrani sono gli stessi bambini, che marcano il territorio tirando linee di gesso sull’asfalto, e saltandoci sopra. Un regno dove ogni cosa che accade è motivo di meraviglia, e tutto sembra muoversi nella luce incantata del mito. Non manca, tuttavia, la voce inquietante dell’oscurità, che sale nell’ombra nera delle cantine, nei gelidi pomeriggi d’inverno, nell’angoscia senza nome della domenica sera. Perché la morte, con la sua faccia di strega e il suo muto mormorio, è già presente e in attesa: la grande lotta è già incominciata. Ma non si è soli, mai, sotto i cieli di via Bisenzio, perché i bambini, i milioni di bambini, sentono di appartenersi gli uni gli altri, e sanno che il loro noi, finché rimarrà un noi, non potrà subire sconfitta. Poi verrà l’adolescenza a prosciugare l’incanto, imponendo spietata metamorfosi, e il noi diventerà un io, e il giovane dio dovrà farsi uomo. Ma i bambini mica ci credono.

 

Nicola Cinquetti è autore di libri di poesia e narrativa per ragazzi. Ha pubblicato con Rizzoli, Fabbri, Piemme, Bruno Mondadori, San Paolo, Lapis, Arka, Nuove Edizioni Romane, Fatatrac, Raffaello, Messaggero. In questo suo primo libro di poesie personali, per una volta, anziché rivolgersi ai lettori più giovani, ricorda in versi il mondo della propria infanzia.

 

Twitter Facebook Google plus Pinterest